Cristiano Toso

Toso Cristiano nasce a Venezia il 7 Marzo 1971.

Sin da bambino abita nell’isola di Murano, la famosa isola del vetro e ne respira in modo naturale la tradizione.

Molto giovane, a 14 anni, lascia la scuola ed entra subito nella famosa fornace di Pino Signoretto.

Vi rimane soltanto una settimana perché il grande maestro ha bisogno di un ragazzo grande e forte per poter essere aiutato nella realizzazione delle sue opere maestose.

Cristiano è un ragazzo alto e molto esile, non può ancora competere con nessuno nell’atelier del famoso Signoretto, nemmeno come servente. Non ha ne l’esperienza ne la forza necessaria.

Passa qualche anno nella rinomata fabbrica Seguso Vetri d’Arte. La sua formazione ha inizio. Qui tutto ciò che viene creato è elegante e da subito affina il gusto nel servire bravi ed esperti maestri, perlopiù nella produzione di bellissime lampade, lampadari, vasi, coppe, bicchieri, sculture.

Apprende direttamente sul campo tecnica e disegno, segreti e tradizione. La fabbrica diventa la scuola della sua vita.

Il pellegrinaggio da una fabbrica all’altra è parte integrante nella formazione di qualsiasi vetraio.

Si apprendono tecniche e lavorazioni differenti, si ammira la manualità dei vari maestri. Poco a poco s’impara. La somma delle esperienze vissute formano l’artista. Cristiano è pronto a cambiare ancora.

In Mirco D’Este, Cristiano riconosce il suo primo vero insegnante. Approfondisce la tecnica della “Filigrana”, dello “Zanfirico”. Produce piccoli oggetti preziosi e finemente lavorati come nell’antica tecnica dell’isola.

Dopo alcuni anni entra nella fabbrica di Berto Mattiello conosciuto come “Geremia”. Qui si producono bicchieri e tipetti leggeri come l’aria, vasi eleganti, collezioni prestigiose. E’ un lavoro leggero e di precisione. Arricchisce la sua conoscenza e manualità. E’ un lavoro di sensibilità che si addice al suo carattere.

Prima del 2000 arriva all’Ars Murano srl. Con i maestri Roberto Cammozzo, Elio Raffaeli e Mariano Moro, gli si apre il mondo del vetro artistico moderno, il “Vetro massello”. I pezzi sono decisamente più pesanti ed imponenti, richiedono forza e prestazione fisica oltre che sensibilità nella realizzazione.

Attualmente Cristiano Toso è “Maestro Vetraio” all’Ars Murano srl. Viva con la sua famiglia e lavora nell’isola di Murano.