Gina Nahlè Bauer

Nasce a Beyrouth nel 1958, vive in Germania. Studi : Fine Arts, Beirut University College, 1979-1981

Gina Nahlè Bauer nasce in una famiglia di artisti. Il padre, Wajih Nahlè, è uno dei pittori più famosi del Libano.

E’ pittrice e scultrice dal carattere acceso ed appassionato e “l’Universo Donna” s’impone in ogni sua espressione. Il rosso è il colore dominante per rappresentarlo, di contro gli uomini s’identificano nei colori freddi e pallidi dei blu e dei grigi.

Il calore dei sentimenti femminili e la freddezza maschile – l’epressione di contrasti unificati – l’uomo e la donna riuniti, è così che l’artista vede l’essere umano.

Il suo messaggio di calore e passione cambia colori nell’esprimersi con il vetro che le ispira sensibilità e delicatezza. La trasparenza come acqua della materia placa il fuoco della sua energia vitale per condurla in colori più tenui che riscoprono una donna dolcemente sensuale.

Nel “L’Union” la donna è limpida e semplice trasparenza vestita di nudità, mentre in ” Famme Chapeau” è vestita della sua affascinante eleganza e civetteria.